Realestate
Andamento Mercato Immobiliare 2017 +6% primo semestre
Home / Blog / Post

Blogs

Andamento Mercato Immobiliare 2017 +6% primo semestre

07/11/2017
blog title

Mercato immobiliare in ripresa: tutti i dati del 2017 by Consimm - Consorzio Agenzie Immobiliari

Il mercato immobiliare in Italia segna una progressiva ripresa nel 2017. Vediamo tutti i dati che ne mostrano la crescita.

L’Agenzia delle Entrate parla di un rialzo del +6% degli acquisti durante il primo semestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2016. I notai italiani hanno rilevato – nel rapporto Dati statistici notarili – la compravendita di 300.929 fabbricati abitativi nei primi sei mesi del 2017. Le province con gli incrementi più alti sono Milano, +8,3% e Roma, +7%. Il Nord sembra ancora “trainare il mercato immobiliare: al Nord è stato, infatti, effettuato più del 56% dei trasferimenti immobiliari (in particolare al Nord-Ovest il 34,84%, al Nord-Est il 21,59%), mentre al Centro il 17,74%, al Sud 18,15% e nelle isole il 7,67%“.

Lo stesso trend riguarda anche i tempi necessari a vendere. Un’indagine del Consorzio Consimm ha individuato le zone delle otto maggiori città d’Italia dove le vendite risultano più dinamiche.

A Milano il dato migliore è quello dell’area Ortles-Spadolini-Bazzi, mentre a Roma il risultato migliore è quello di Cinecittà Est. Tra le migliori zone si distingue anche l’area che converge sulla Spina 3 situata a Torino: il più esteso progetto di riqualificazione postindustriale della città.

Al sud ed in particolare sul lato jonio  si registra un'aumento di vendite soprattutto di immobili turistici destinate a casa vacanze, i tempi di vendita sono diminuiti rispetto all'anno precedente .

Anche i prezzi mostrano una lenta ripresa. Nel secondo trimestre, secondo le stime preliminari dell’Istat, l’indice dei prezzi delle abitazioni è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente.

Il mercato immobiliare del 2017 è perciò caratterizzato da un segno positivo sotto tutti gli aspetti; secondo gli esperti la ripresa del mercato si consoliderà nel 2018, ma preoccupano due fattori che potrebbero influire sul definitivo rilancio: la fiscalità, che frena gli acquisti per investimento, e i bassi redditi, con circa il 40% di chi compra che non supera i 1.800 euro al mese.

Fonte Centro Studi Consimm
www.consimm.org